quella volta che nel 2015 ho fatto una cosa anni ’70

Cioè quella volta che io e la mia Amica Xenia siamo salite su due autobus per andare in un posto che non conoscevamo, a casa di gente che non conoscevamo, per assistere al concerto che da quel momento in poi avrebbe cambiato la nostra idea di concerto.

25 giugno 2015

Il centro di Cumiana è esattamente come ti immagini il centro di Cumiana: silenzioso, pulito, con le api. Un tabaccaio, una pizzeria da asporto, l’asilo, la gelateria.

Io e Xenia imbocchiamo la strada che San GPS ci indica, venti minuti a piedi e arriveremo lì, dove forse qualcuno ci aspetta, dove probabilmente troveremo Jack lo squartatore, dove magari faremo amicizia. Non abbiamo la più pallida idea di cosa stiamo andando a fare ma conosciamo a memoria il motivo.

La strada sotto ai nostri passi diventa più ripida, superiamo un piccolo corso d’acqua, qualche auto ci passa accanto e noi le scandagliamo tutte, si sa mai vediamo un tizio con gli occhiali a specchio. San GSP ci abbandona e noi ricominciamo a fare come si faceva da piccoli: a caso. Un cartello dice di svoltare, di lasciare l’asfalto e prendere la terra. Ok. Ci incamminiamo per un sentiero che sembra l’inizio di un bosco.

Sicura che andiamo nel posto giusto?

No.

C’è bisogno di tutto questo bosco?

Non lo so.

Luca mi ha detto di chiamarlo se abbiamo bisogno.

Ancora no, proviamo da sole.

E se ci perdiamo?

Torniamo indietro e ricominciamo.

Dopotutto l’evento si chiama Dargen nel bosco.

Già.

Facciamo qualche passo in più, con la sensazione che se fosse notte incontreremmo un elfo, o un orco, o entrambi.

Chiamiamo Luca?

Non rompiamo subito le palle, giochiamoci il jolly quando non sapremo come fare a tornare a casa.

Ok.

Improvvisamente una voce amplificata riempie l’aria. Dice che la luce non filtra attraverso la mischia

Non mi è mai capitato di sentire con certezza di star percorrendo la strada giusta e chissà se mai mi capiterà di nuovo.

Il passo accelera: discesa salita discesa casa stop.

Non c’è bisogno di guardare Xenia per sentire che è ancora vicino a me. Sospiro.

Un tipo ci guarda e si avvicina. Dovrebbe avere l’aria da chi michia so ‘ste due e invece fa ciao con la mano e chiede:

Xenia? Ciao sono Paolo.

Sorride, Paolo, sembra davvero felice di vederci e non ha nemmeno un po’ l’aria di Jack lo squartatore. Ci accompagna a vedere la Cascina, ci indica il bagno, ci presenta i gattini.

Xenia mi tiene come si tengono i palloncini pieni di elio, io non faccio una piega anche se vorrei saltellare e agitare i pugni in aria e dire yuppidù e abbracciare chiunque mi capiti sotto tiro.

boom baby

Cascina Petre comincia a riempirsi, Petra scodinzola tra gli ospiti, la cena è servita, Luca e Paolo ci presentano tutti, stringiamo mani e aspettiamo. Intorno c’è sempre un bosco che non conosciamo, una casa che non abbiamo mai frequentato, volti che non avremmo mai immaginato di incrociare, eppure tutto sembra diventare naturale.

Ecco Dargen, io e Xenia ci nascondiamo dietro a qualcuno, si battono le mani, siamo timidi: sappiamo, tutti, che questa roba di un cantante vero che viene a casa a fare un concerto vero la racconterai per sempre. Quella sera una quarantina di persone si sono assicurate una storia da raccontare ai nipoti.

Da lì in poi le immagini si fanno confuse:

miao

bau

vabbè se non la sapete cambio

microfono sugli incisivi

tutti uguali

amo Milano

come l’Italia e San Marino

essere non è da me

infartini di gioia

insalata di riso

cucina

famiglia

temperino

dignità

peperoncino

cospargere con l’olio

faccio l’amore a modo mio la sanno tutti

Bud Spencer

quanto ci vuole ancora per finire quella tenda mongola?

vino

ancora voglia di ballare

bachata

Jon Snow

lucciole

bosco

chi l’ha visto

Giorgio

sedie in cerchio

silenzio

parole

nichelino

gatto nel motore

stelle

abbracci

grazie

no, grazie a te.

Questo è il video della serata. Grazie a tante belle persone, a quell’accoglienza che fa sperare in un mondo migliore, a Guestar, e a me e Xenia, che abbiamo fatto una cosa anni ’70 anche se gli anni ’70 non li abbiamo visti.

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s